---> SEGUICI SU FACEBOOK

gen-25-2013

Prosegue il tour degli istituti alberghieri nell’Agrigentino da parte dell’associazione cuochi Agrigento <<Salvatore Schifano>>. Un percorso, quello della dimostrazione di intaglio di vegetali, che ha avuto inizio qualche settimana fa all’interno IPSSARCT <<G. Ambrosini>> di Favara, e che ha trovato il seguito all’IPSCT <<Nicolò Gallo>> di Agrigento.
A tenere la dimostrazione pratica, del metodo usato per intagliare i vegetali, sono stati il presidente dell’associazione Salvatore Gambuzza, il presidente vicario Antonino Butera e gli chef Salvatore Avenia e Salvatore Lana; all’iniziativa sono anche intervenuti il consigliere Mario Consentino e il segretario Alfonso Vella.
I professionisti dello spelucchino (coltello ideale per intagli di precisione) hanno coinvolto gli studenti nella realizzazione di sculture floreali, trasformando i meloni e le zucche in pezzi raffiguranti fiori, le patate hanno preso le sembianze di rose e i finocchi sono diventati delle eleganti calle. Una volta conclusa la lavorazione dei vegetali gli studenti si sono dilettati nell’assemblare tutti gli elementi intagliati, formando un’elegante composizione floreale solitamente utilizzata per i banchetti delle occasioni.
A manifestare ammirazione per il lavoro realizzato è stato il dirigente scolastico della scuola ospitante, Girolama Casà.
<<L’IPSCT “Nicolò Gallo” di Agrigento – afferma il dirigente scolastico dell’istituto, Girolama Casà – è una realtà di formazione in continua evoluzione, che guarda lontano e che cerca di dare riscontro alle aspirazioni professionali dei ragazzi. E’ importante – continua il dirigente Casà – che gli studenti si rendano conto, sin dai primi anni della scuola superiore, come sia importante affiancare a uno studio accademico la ricerca, sul capo di riferimento, degli aspetti pratici del lavoro che riguarda il vasto mondo della gastronomia. L’istituto – conclude Girolama Casà – con oggi avvia una collaborazione con l’associazione cuochi Agrigento “S. Schifano”, che ritengo importante perché sarà un punto di riferimento umano, culturale e professionale che andrà sicuramente a favore dei futuri professionisti della ristorazione>>.

c.c

(Da: “La Sicilia”) 23-01-2013


I commenti sono chiusi.