---> SEGUICI SU FACEBOOK

gen-10-2014

Cucina siciliana, premiazioni, momenti di intrattenimento.
Si è svolta così la 15^ edizione de il Natale del Cuoco, che quest’anno si è tenuta nell’accogliente location di Villa Mirlò a Licata.
Tra una degustazione e l’altra, il presidente dell’associazione cuochi Salvatore Gambuzza; il presidente vicario, Antonino Butera e il segretario, Alfonso Vella hanno consegnato targhe, attestati di merito e il Collegium Cocorum della Federazione Italiana Cuochi.
Targa speciale Salvatore Schifano, alla memoria del maestro pasticcere Giuseppe Saieva e allo chef Gennaro Zoppo.
Una targa speciale è stata consegnata allo chef Giovanni Zambito, per il suo operato a favore della diffusione della cultura della gastronomia nell’agrigentino.
Tanti gli attesta di merito consegnati a tutti gli intervenuti alla cena.

Attestati di merito per il V trofeo “Totò Schifano”, L’arancia nel salato e nel dolce, al I classificatolo chef Liborio Bivona e al pastry chefFabio Vaianella e per il II classificato: la lady chef Anna Maria La Rosa.
E’ stato ritirato il “Collegium Cocorum” da parte della figlia di Caterina Gesuito di Lampedusa, e direttamente da Giuseppina Milillo di Siculiana, gli altri aventi diritto al riconoscimento non erano presenti.
Sono stati consegnati gli attestati a coloro che hanno partecipato al meeting organizzato dall’associazione cuochi Agrigento “S. Schifano”, in collaborazione con “Diversey” Italia sul tema:“Igiene in cucina e sicurezza nella manipolazione dei prodotti chimici”.
Attestai di merito consegnati alle lady chef agrigentine per il corso di cucina per baby chef organizzato a Canicattì.
Altri attestai di merito per i 12 chef agrigentini che hanno ottenuto 17 medaglie a gli Internazionali di Italia 2013 svoltisi a Marina di Carrara.
Cinque riconoscimenti d’oro, dieci d’argento, due di bronzo e tre menzioni speciali.
Francesco Virga, con delle sculture fatte di zucchero tirato e soffiato, due medaglie d’oro partecipando al concorso culinario con la categoria D2 (cucina artistica, decorazioni ornamentali sculture e soggetti da esposizione di pasticceria realizzati con burro, zucchero tirato e soffiato, cioccolato, ghiaccio e marzapane); Giuseppe Bono, una medaglia di bronzo e una d’argento con la categoria D1 (cucina artistica, sculture e soggetti d’esposizione di cucina realizzati con margarina, pasta, frutta, ghiaccio, sale e vegetali); Claudia Caci, una medaglia dibronzo e una d’argento (cucina calda) K1 e K3. Medaglia d’argento per Alex Sciara, Emanuele Gagliano, Giovanni Chianetta e Roberto Buzzurro categoria (cucina calda) K2. Medaglia d’argento per Nabil Amor, Roberto Buzzurro, Giovanni Chianetta, Giovanni Cortese nella categoria (cucina calda) K1, sempre nella stessa categoria la lady chef Anna Marai La Rosa medaglia d’oro: il più alto riconoscimento storico mai ottenuto dalla sezione femminile dell’associazione cuochi “Salvatore Schifano”.
Due medaglie d’oro per Liborio Bivona e Alfonso Pollari, categoria destinata alle regioni e che li ha visti diventare campioni d’Italia.
Tre menzioni speciali sono state riservate a Roberto Buzzurro, Claudia Caci e Emanuele Gagliano; mentre un riconoscimento è stato destinato allo chef Massimiliano Ballarò per il supporto e per l’assistenza di giuria FIC.

La brigata di cucina: Mario Consentino, Alessandro Di Caro, Angelo Gallo, Ignazio La Iola, Nuccio Montana, Alessandro Morgana, Totò Pira, Emanuele Rumè, Francesca Rumè, Giuseppa Rumè, Tommaso Rumè, Teresa Tornabene.

I commenti sono chiusi.